All Posts By

Monica Mattioli

Eventi Reggio Emilia

Fotografia Europea a Reggio Emilia

Fotografia Europea edizione 2019

 

Ami la fotografia? La consideri un’arte? Vuoi vedere una mostra fotografica disseminata in tutta la città nei luoghi più suggestivi di Reggio Emilia? Se hai risposto si ad una o più domande non puoi allora perderti Fotografia Europea, la manifestazione culturale dedicata alla fotografia contemporanea promossa dal Comune di Reggio Emilia e dalla Fondazione Palazzo Magnani.

Io non sono una fotografa ma amo molto quest’arte. Proprio ieri, mi sono detta: “Voglio andare a Fotografia Europea!” così mi sono avventurata sul sito loro sito ed ho scoperto una cosa; la manifestazione è talmente vasta che, per venirne fuori, ti occorrono ore per capire cosa veramente ti interessa vedere. Ho quindi deciso di scrivere questo articolo per semplificare chi avesse deciso come me di visitarla.

 

fotografia_europea_reggio_emilia

Luigi Ghirri fotografo reggiano

 

Fotografia Europea nasce nel 2006 e si ispira al modello fotografico promosso dal fotografo reggiano Luigi Ghirri. Per Ghirri la fotografia era un mezzo per riflettere e mettere in discussione quella che è la realtà.

Fotografia Europea sarà affiancata anche da altri eventi, workshop, spettacoli e conferenze. Un ricco calendario dunque per chi deciderà di seguire la manifestazione.

 

Il tema di Fotografia Europea edizione 2019

 

Ogni anno, un comitato scientifico, sceglie quello che sarà il tema centrale della mostra. Quest’anno il tema è “Legami. Intimità, relazioni, nuovi mondi”. Si parlerà dunque di relazioni umane in senso lato.

 

fotografia_europea_2019

La valorizzazione della città

 

Le esposizioni collegate a Fotografie Europea si snodano in tutta al città  dando così la possibilità non solo di visitare mostre promosse da grandi artisti ma anche di far sfoggio di edifici storici della città spesso sconosciuti ai reggiani stessi. Ogni anno luoghi riqualificati o edifici solitamente chiusi al pubblico vengono resi accessibili grazie a Fotografia Europea. Lo scopo è quello di valorizzare il patrimonio storico-artistico della città e renderlo fruibile ai cittadini stessi.

Ecco quali saranno gli edifici che ospiteranno le mostre:

  • Palazzo Magnani
  • Palazzo da Mosto
  • Sinagoga
  • Chiostri di San Pietro
  • Chiostri di San Domenico
  • Battistero e Chiostri di San Nicolò
  • I sotterranei del Teatro Valli
  • Spazio Scapinelli
  • Spazio Gerra
  • Biblioteca Panizzi

 

fotografia_europea_2019

I Chiostri di San Pietro

Circuito Off di Fotografia Europea 

 

Si affianca alle mostre centrali di Fotografia Europea anche il Circuito Off, mostre ed eventi promossi in maniera indipendente da privati, associazioni o gallerie. Potremo vedere dunque esposizioni di artisti affermati così come quelle di talenti emergenti. Chiunque lo voglia può ogni anno organizzare in modo del tutto autonomo una propria esposizione. In questo modo, luoghi quali attività commerciali o spazi informali, prendono vita illuminati dalle esposizioni di questi artisti.

 

fotografia_europea_2019

Mostre @offschool di Fotografia Europea

 

Il programma Circuito Off coinvolge anche le scuole della città e della provincia con lavori realizzati dai bambini affiancati dai loro insegnati nel progetto mostre@offschool .

 

fotografia_europea_2019

 

Fotografia Europea lungo la via Emilia

 

Grazie all’interessante partneship con importanti istituzioni culturali e artistiche in tutta la regione, Fotografia Europea sarà affiancata da altre esposizioni in vari luoghi. Qui di seguito vi elenco le sedi delle nove mostre proposte a livello regionale.

 

  • Collezione Maramotti – Reggio Emilia (dal 14 aprile al 28 luglio): Margherita Moscardini “The fountains of Za’Atari”; Atelier dell’Errore – “AdE Identikit 01”
  • CSAC Centro Studi e Archivio della Comunicazione – Parma (dal 13 aprile al 12 maggio) “Nuove figure in un interno”
  • Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea – L’Ospitale – Rubiera (RE) (dal 13 aprile al 9 giugno) “Relazioni”
  • FMAV Fondazione Modena Arti Visive – Modena (dal 23 marzo al 25 agosto) Franco Fontana – “Sintesi”
  • Fondazione MAST – Manifattura di Arti Sperimentazione e Tecnologia – Bologna (dal 2 febbraio al 22 aprile) Thomas Struth – “Nathure & Politics”
  • MAR | Museo d’Arte della città di Ravenna – Oliviero Toscani |”Più di 50 anni di magnifici fallimenti” (dal 14 aprile al 30 giugno); Arrigo Dolcini. Professione fotografo | “Marina di Ravenna negli anni ‘50 e ‘60” (dal 28 aprile al 3 giugno); Looking On | “Sguardi e prospettive sulla fotografia emergente in Italia” (dal 4 maggio al 30 giugno)

fotografia_europea_2019_studio_blanco

Il Giappone a Fotografia Europea

 

Il paese ospite dell’edizione 2019 sarà il Giappone che, grazie al patrocinio dell’Istituto Giapponese di Cultura di Roma e alla collaborazione della Fondazione Italia Giappone, lavoreranno per promuovere la cultura giapponese in Italia. Visiteremo così il paese del sol levante attraverso un racconto fotografico fatto dagli artisti invitati a prender parte alla mostra.

Sede delle esposizioni legate al paese orientale saranno i Chiostri di Pietro.

 

fotografia_europea_2019_Reggio_Emilia

Chiostri di San Pietro

Mostre di Fotografia Europea 2019

 

Fotografia Europea ha preso il via il 12 aprile e sarà visitabile fino al 9 giugno. 

In seguito vi elenco le mostre principali e dove potrete visitarle.

 

  • Palazzo Magnani – Horst P. Horst | A Beautiful Image
  • Palazzo da Mosto – Larry Fink | Unbridled Curiosity |Michele Nastasi | Arabian Transfer
  • Sinagoga – Vincenzo Castella | Urban Screens
  • Chiostri di San Pietro – Francesco Jodice | Rivoluzioni |Jacopo Benassi | Crack |Ryuichi Ishikawa | Mitsugu |Kenta Cobayashi | Photographic Universe | Motoyuki Daifu | Holy Onion |Pixy Liao | Experimental Relationship (2007 to now) |Justine Emard | La notte dei tempi |Vittorio Mortarotti | The First Day Of Good Weather |Pierfrancesco Celada | Japan, I wish I knew your name |Samuel Gratacap | Fifty-Fifty |Speciale diciottoventicinque | Collaboration/Matter | Master of Photography, The Exhibition
  • Battistero e Chiostri di San Nicolò – Giovanni Chiaramonte | Verso Gerusalemme
  • Sotteranei del Teatro Valli – Jaakko Kahilaniemi | 100 Hectares of Understanding |Lucie Khahoutian The Tapestry In My Room
  • Spazio Scapinelli – Obiettivo Granata 1919/1929. Origine e ascesa della Reggiana Calcio
  • Spazio Gerra – …Confessioni. Canzoni vissute
  • Chiostri di San Domenico – Giovane Fotografia Italiana #07 | Ropes/Corde
  • Scatta la cultura. Un viaggio nel patrimonio dell’Emilia Romagna
  • Biblioteca Panizzi – Famiglie. Un mondo di relazioni. I fondi fotografici delle famiglie in biblioteca Panizzi

 

atelier_via_dei_due_gobbi_circuito_off

Atelier di via Dei due Gobbi

 

Lascio  a voi la scelta ora. Cosa privilegerete? Mostre di artisti affermati, giovani artisti sconosciuti o vi lancerete alla scoperta dei luoghi nascosti della nostra città? Fatemi sapere!

 

 

 

 

Eventi

Caseifici aperti: conosciamo il Parmigiano Reggiano

Parmigiano Reggiano orgoglio Emiliano

 

Sai qual è uno dei tanti orgogli emiliani? È il Parmigiano Reggiano, uno dei formaggi più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Questo week end torna il tradizionale appuntamento con Caseifici Aperti.

Se vuoi entrare in contatto con i produttori di questa prelibatezza, scoprire le sue origini, come viene lavorato e assistere a tutti i passaggi che compie prima di giungere sulle nostre tavole non puoi dunque mancare a questo appuntamento che ogni anno attrae una grande quantità di persone.

 

parmigiano_reggiano_caseifici_aperti

Parmigiano Reggiano: le origini

 

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio che affonda e sue radici nel Medioevo quando i monaci benedettini  svilupparono attività agricole e di allevamento di vacche in questa zona. Da allora sono cambiate le tecniche con il quale viene lavorato ma ci sono alcune cose che non sono affatto cambiate:

 

  • La zona di produzione
  • Gli ingredienti
  • La cura che i nostri casari mettono nei loro gesti

  Continue Reading

Personaggi Reggio Emilia

Ti presento Franco Mora pittore naïf

Chi è Franco Mora pittore naïf

 

Franco Mora è esattamente come i suoi quadri, un tripudio di gioia e colori.

 

franco-mora-pittore-naif

“Estate in campagna” – acrilico su tela

 

Più volte nel mio blog ho parlato di arte naïf (puoi leggere la mia intervista a Brenno Benatti pittore naïf) e di come si sia diffusa rapidamente attorno agli anni Sessanta-Settanta del Novecento soprattutto nella zona del Po della provincia di Reggio Emilia. La causa di tale diffusione la si deve  principalmente all’influenza apportata in quei luoghi dal talento di Antonio Ligabue (qui trovi la storia di Antonio Ligabue e qui un articolo sulla casa Museo di Antonio Ligabue).

Il padre di Franco Mora, Berto, era appunto uno dei pittori che nel 1966 nella bassa reggiana iniziò a dipingere.

La prima volta che ho incontrato Franco e mi ha raccontato la sua storia la cosa che mi ha maggiormente colpito è il fatto che non si sia mai interessato alla pittura finché il padre era in vita. Il padre dipingeva ma lui aveva altri interessi.

Non credete sia una cosa che capita spesso? Frequentemente si tende a dare scarso valore a ciò che si ha sotto il naso. Un po’ come quando vivi da sempre in un luogo e non ti accorgi delle bellezze che hai attorno talmente sei abituato a vederle.

 

franco-mora-pittore-naif

La visita alla mostra personale di Franco Mora

Continue Reading

Emilia Romagna Forlì

Forlì e i musei di San Domenico

Chi è Barbara Togni

 

Quando ho conosciuto Barbara Togni mi sono subito detta: “Ecco una vera romagnola!”. Infatti Barbara, forlivese DOC, è vera e autentica come tutti i romagnoli, una donna spontanea e solare.

Agente immobiliare con alle spalle anni di esperienza e di formazione, Barbara deve lasciare il suo lavoro per motivi familiari. Nonostante ciò non rinuncia a quella che è la sua passione. Si perché Barbara si è scelta il suo lavoro in base ai suoi interessi e all’amore che nutre verso il mondo dell’immobiliare. Così ha cominciato a fare online ciò che prima faceva offline per poter aiutare chi cerca o vende casa unendo all’interesse per il suo lavoro la passione per la scrittura.

Sul suo blog, Suggerimenti Immobiliari, potrete trovare utili consigli su come acquistare o vendere casa, sulla locazione, sulla ristrutturazione e mille altre indicazioni per chi vuole arrangiarsi senza l’aiuto di un agente immobiliare o per chi, pur rivolgendosi ad un’agenzia, preferisce avere un parere in più. Il mio consiglio è dunque quello di dare un’occhiata al suo sito Suggerimenti Immobiliari.

A chi potevo chiedere dunque di illustrarmi la bella Forlì se non a lei che in questa  città ci è nata e cresciuta? Ecco quindi un resoconto su cosa visitare in questa graziosa città romagnola che ha davvero tanto da offrire.

 

Forlì e i musei di San Domenico

 

Sono una giramondo e, fino a qualche anno fa,  in ogni luogo che visitavo, quando qualcuno mi chiedeva da dove venivo, rispondevo: “Da Forlì”. Ogni volta mi sentivo dire:“Forlì ? Ma dov’è?”. “Vicino a Rimini” “Ah ho capito in Romagna.”

Questa cosa l’ho sempre detestata perché, pur non essendo il centro del mondo, Forlì non ha nulla da invidiare a tante altre cittadine di provincia.

Dal 2005, questo battibecco è cambiato. Ogni volta che dico “da Forlì” mi sento rispondere: “Forlì la conosco sono venuto a vedere la mostra di…”

Finalmente dal 2005 anche Forlì ha assunto una sua identità geografica.

 

Forli-palazzo-del-comune

Continue Reading

Lifestyle

10 motivi per amare l’autunno

Perché lamentarci del tempo?

Anni fa, una mia amica brasiliana studentessa in medicina nel suo paese, dopo essersi laureata venne a fare un master in Italia, più precisamente a Roma. Un giorno mi disse: In Italia vi lamentate sempre. Se c’è caldo vi lamentate, se fa freddo vi lamentate, se piove vi lamentate, se c’è il sole vi lamentate. È questo che sento ogni volta che salgo in autobus per andare in facoltà. In Brasile c’è gente che non ha niente e canta tutto il giorno”.

Mi fermai a riflettere su questa affermazione e mi resi conto che aveva perfettamente ragione. Siamo soliti lamentarci. Sempre! Perché? Probabilmente perché vediamo le cose dal verso sbagliato.

 

fogliage-in-autunno-panchina

Ricordati: certe cose non puoi cambiarle

 

Partiamo da un presupposto: ci sono cose che non possiamo cambiare. Una di queste è appunto il tempo. Quindi lamentarsi a cosa serve? Non potendo cambiare alcuni eventi perché non proviamo a guardarli da un altro punto di vista?

Continue Reading

Eventi Reggio Emilia

Bibbiano Creativa: una due giorni dedicata all’arte

Promozione della cultura con Bibbiano Creativa

 

Da qualche tempo mi sono resa conto che, negli ultimi anni, le attività svolte per promuovere la cultura sotto ogni suo aspetto si sono moltiplicate e hanno coinvolto sempre più non solo le città ma anche i piccoli paesi. Talvolta sono addirittura i cittadini stessi che si prodigano perché la cultura venga messa in primo piano. Ecco, questo è quello che lo scorso settembre è accaduto a Bibbiano in provincia di Reggio Emilia dove si è tenuta la prima edizione di “Bibbiano Creativa”.

(Se vuoi leggere un altro esempio di promozione della cultura che sta prendendo sempre più piede puoi leggere il mio post sul Bookcrossing al parco delle Ginestre di Rivalta).

 

bibbiano-creativa-2018-artisti-locali

Continue Reading

Dove mangiare Parma

Cosa mangiare al Rifugio Lagdei

La cura del locale

 

Io al Rifugio Lagdei ci ho lavorato. Nel 2010 ho fatto lì i tre mesi estivi servendo al bar. Di una cosa quindi sono certa: al Rifugio Lagdei non si discute su pulizia e freschezza dei prodotti. Ho girato per mesi in quella cucina, tra quei tavoli, in quella dispensa e questo posso dirlo per certo. E vi garantisco che non mi stanno pagando per farlo!

Se vuoi avere più informazioni sul Rifugio puoi leggerle nel mio post Lagdei: il paradiso a due passi da casa. 

 

Tavola-apparecchiata-al-rifugio-Lagdei

Il menù

 

Alcune delle pietanze del menù possono variare a seconda dei giorni ma è un menù che rispecchia sempre la tradizione del luogo dove i classici piatti di montagna non mancano mai. E se sei in montagna ovviamente è d’obbligo mangiare i funghi o la polenta! O i funghi e la polenta! Ecco… nell’indecisione questo è quel che abbiamo fatto noi!

Continue Reading

Reggio Emilia

BookCrossing al Parco delle Ginestre di Rivalta

BookCrossing 

 

Purtroppo è un dato di fatto e molti sondaggi lo confermano: gli italiani leggono poco. Addirittura molti di loro non leggono neppure un libro all’anno. Triste notizia per chi, come me, i libri li adora. Così, come in molti altri paesi, anche da noi allo scopo di diffondere la lettura, ha preso vita la pratica del “BookCrossing”.

 

BookCrossing-come-scambiarsi-i-libri

Cos’è il BookCrossing?

 

Il BookCrossing è un’iniziativa che parte da un gruppo di volontari amanti dei libri e della lettura che hanno a cuore il diffondersi del sapere e della cultura. Questa pratica consiste nell’abbandonare un libro in un luogo pubblico o in un’area adibita allo scambio dei libri. La cultura viene quindi vista come un bene che appartiene alla collettività e con la quale lo si vuole condividere. La lettura, pratica notoriamente individuale, si trasforma in un progetto collettivo a favore delle comunità. I libri appartengono al gruppo di individui che ne vorrà usufruire.

(Se sei interessato all’argomento cultura e a come i paesi cerchino sempre più di convogliare i propri cittadini in questa pratica, puoi leggere anche il mio post su Bibbiano Creativa: una due giorni dedicata all’arte).

 

Continue Reading

Parma

In montagna a Lagdei: il paradiso a due passi da casa

Lagdei e il suo rifugio

 

C’è un luogo dove amo tornare non appena possibile. E’ un luogo che mi mette in pace col mondo e in cui respiro un’aria magica. Quel luogo è Lagdei.

 

Il-rifugio-Lagdei

 

 

La prima volta che andai a Lagdei avevo 8 anni. Di quel giorno ricordo poco. Ricordo che il posto era splendido ma non ne ricordo i particolari. Ricordo che, pur essendo agosto, faceva freddo e che mia mamma si era dimenticata a casa il mio maglione così mi diedero da mettere quello di mio papà. E sopratutto ricordo che dovetti raccontare una bugia che mi fece sentire “grande”.

 

Lago-Santo-Lagdei

Continue Reading

Piacenza

Bobbio di Piacenza: storia, personaggi e leggende

Dov’è Bobbio?

 

“Domenica andiamo a fare un giro a Bobbio?”. Ecco, un paese con un nome così già mi ispira simpatia ancor prima di sapere dov’è. Bobbio. Suona bene!

“Paolo ma dov’è Bobbio”. Ammetto la mia ignoranza, non lo conoscevo. Ciò a dimostrazione del fatto che spesso a due passi da casa nostra abbiamo posti stupendi di cui ignoriamo l’esistenza. Si perché Bobbio è davvero incantevole e definirlo così direi che è un po’ sminuirlo!

 

piazza-centrale-Bobbio

Il centro di Bobbio

 

Bobbio è un borgo di origine medievale in provincia di Piacenza situato lungo la Val Trebbia. A dir il vero, quando Paolo ha nominato la Val Trebbia mi sono ricordata di averne già sentito parlare come di un posto bellissimo ma in realtà non c’ero mai stata.

 

Fiume-Trebbia-Bobbio

Il fiume Trebbia

Val-Trebbia-Bobbio

Bobbio-Piacenza-il-centro

Lungo le vie del borgo

Continue Reading