BookCrossing 

 

Purtroppo è un dato di fatto e molti sondaggi lo confermano: gli italiani leggono poco. Addirittura molti di loro non leggono neppure un libro all’anno. Triste notizia per chi, come me, i libri li adora. Così, come in molti altri paesi, anche da noi allo scopo di diffondere la lettura, ha preso vita la pratica del “BookCrossing”.

 

BookCrossing e libri, come scambiarsi i libri

Cos’è il BookCrossing?

 

Il BookCrossing è un’iniziativa che parte da un gruppo di volontari amanti dei libri e della lettura che hanno a cuore il diffondersi del sapere e della cultura. Questa pratica consiste nell’abbandonare un libro in un luogo pubblico o in un’area adibita allo scambio dei libri. La cultura viene quindi vista come un bene che appartiene alla collettività e con la quale lo si vuole condividere. La lettura, pratica notoriamente individuale, si trasforma in un progetto collettivo a favore delle comunità. I libri appartengono al gruppo di individui che ne vorrà usufruire.

Logo bookcrossing e indirizzo sito

Come funziona il BookCrossing?

 

Non so dove e da chi sia nato inizialmente questo progetto anche se, visto il nome (book=libro, crossing=scambiare), presumo in qualche paese anglofono. Sta di fatto che ora anche in Italia non è difficile trovare nei posti più insoliti luoghi in cui i libri sono a disposizione di tutti, dove li puoi prendere, leggere, scambiare o liberare.

 

Libro Herman Hesse abbandonato su un muretto BookCrossing

BookCrossing o Little Free Library?

 

Questi due termini, entrati nell’uso comune e usati spesso come sinonimi, potrebbero confondervi. Che differenza c’è tra BookCrossing e Little Free Library? Il concetto non differisce, lo scopo resta in entrambi i casi quello della diffusione della cultura. Nella pratica cambia che il BookCrossing è nato con lo scopo di “abbandonare” un libro in un luogo qualsiasi, su una panchina, su un treno, in un bar o in ogni altro luogo. Questi libri erano etichettati e registrati su un sito dedicato e, chi ne veniva in possesso, accedendo al sito ne registrava il percorso. Il BookCrossing è divento dunque un’attività globale.

Nel secondo caso invece, si tratta di installazioni fisse chiamate Little Free Library o BookCrossing Zone atte a conservare libri che possono essere liberamente presi dalle persone. La regola implicita che vige è quella di prendere un libro e di lasciarne un altro in cambio attraverso un principio di reciprocità. Ma ogni cittadino che abbia libri in esubero che non sappia dove lasciare è invitato a riporli in quegli scaffali a favore della collettività. Lasciando un libro che avete amato contribuirete a far sì che la vostra lettura porti piacere ad altre persone.

 

Libri d'autore al bookcrossing

BookCrossing Zone Rivalta

 

A due passi da Reggio Emilia, precisamente a Rivalta, nel 2016 è stata inaugurata una Free Library all’interno del parco del paese. Tutta la cittadinanza si è messa all’opera per favorire la realizzazione di una libreria accessibile a tutti in uno spazio che promuoveva non solo la cultura ma anche la socializzazione.

 

BookCrossing zone al Parco delle Ginestre di Rivalta

 

Per la creazione della libreria al Parco delle Ginestre di Rivalta si è attivata l’intera comunità, dai cittadini alle attività commerciali. A loro è stato chiesto di elaborare un progetto che rispondesse a determinati requisiti per la creazione di bacheche adatte alla conservazione dei libri in un luogo aperto, quindi teche capaci di resistere alle intemperie, robuste, che non richiedessero una manutenzione esosa e che comunque fossero gradevoli alla vista. Tra i tanti progetti arrivati è stato scelto quello che rispondeva meglio ad entrambi le caratteristiche che coincideva col progetto dell’architetto Massimiliano Magini.

 

Libreria libera e libri al bookcrossing Rivalta

L’inaugurazione del BookCrossing al Parco delle Ginestre

 

Il 16 e 17 aprile 2016, i cittadini di Rivalta si sono ritrovati al Parco delle Ginestre per posizionare le vetrinette che avrebbero conservato i libri. L’invito a partecipare era stato esteso anche a tutti i cittadini di Reggio Emilia.

Due settimane dopo, il 30 aprile, la libreria è stata inaugurata alla presenza degli ideatori e della cittadinanza. Da allora il Parco delle Ginestre è diventato un luogo dove incontrarsi, socializzare, leggere e scambiarsi libri in questa biblioteca a cielo aperto.

 

bookcrossing zone di Rivalta Reggio Emilia

Libri della libreria libera al BookCrossing zone di Rivalta

Libri per bambini al bookcrossing di Rivalta

 

Chi si iscrive alla newsletter della “BookCrossing Zone” verrà informato periodicamente dei nuovi arrivi di libri e degli eventi organizzati dal gruppo BookCrossing Rivalta. L’ultima e-mail che ho ricevuto pochi giorni fa, annunciava la presenza del libro “La passione di Artemisia” di Susan Vreeland. Non conosco il libro ma conosco la storia di Artemisia Gentileschi e ciò che vi posso dire è che correrei subito a prenderlo.

E voi? Che aspettate a visitare la Free Library del Parco delle Ginestre? Conoscete altri punti dove sono collocate postazioni di BookCrossing in Emilia Romagna? Segnalatemele!

 

La passione di Artemisia libro di Susan Vreemer sulla vita di Artemisia Gentileschi nel BookCrossing di Rivalta

 

 

L’iniziativa  #bookcrossing a cui partecipo con #bookcrossingemiliaromagna è stata promossa da Simona Genovali di Destinazione Toscana

 

Lettori al bookcrossing zone di Rivalta

Indirizzo mail BookCrossing Rivalta

Condividi: